Monteodorisio è un piccolo e grazioso paese adagiato sulle colline della provincia di Chieti, in un luogo che non potrebbe che definirsi magico: da un lato il mare azzurro dell’Adriatico e dall’altro la maestosa Majella: solo chi vive qui può capire cosa voglia dire sentirsi accolti in questo naturale abbraccio.

Antico borgo medievale, “Mons Oderisi” vantava 13 castelli quando divenne proprietà del conte dei Marsi Oderisio da cui trae il suo nome.

Ne rimane in piedi uno di antica origine normanna, poi divenuto proprietà dei conti dei Marsi ed infine dei D’Avalos che regnarono in queste zone fino alla caduta del feudalesimo nel 1806.
Il Castello d’Avalos oggi appare come una dimora gentilizia, sede anche del Museo del Costume Locale, e vi assicuriamo che vale la pena visitarlo.

Ma qui si trova anche un importante meta religiosa della zona: il Santuario della Madonna delle Grazie.

Si tramanda che nel 1866 durante dei lavori al muro di una vecchia chiesa, iniziò a sgorgare dell’acqua che curava chiunque la bevesse. Da quel momento iniziarono pellegrinaggi di infermi e credenti verso la fonte curativa e, grazie alle offerte dei devoti, nel 1895 fu consacrato questo stupendo santuario.
Ogni anno si festeggia i primi di settembre, insieme ad una bellissima fiera.

Il mare a pochi km è quello stupendo che bagna la costa di Vasto e dintorni.

Che sia estate o inverno una passeggiata a Punta Penna vale sempre la pena: riserva naturale, una delle dieci spiagge più belle d’Italia, i trabocchi che fanno capolino sulla scogliera adiacente al porto e la montagna che nei giorni di aria tersa spunta da dietro la scogliera di Punta Aderci … che altro aggiungere per descrivere un posto così bello e suggestivo?

La Costa dei Trabocchi si estende da qui fino ad Ortona e caratterizza in maniera così forte il litorale della provincia chietina: antichi strumenti di pesca utilizzati da contadini e allevatori della zona, che come ragni giganti presidiano la nostra costa.

I trabocchi sono diventati negli ultimi anni una delle mete turistiche principali della regione attirando un gran numero di visitatori sia per ammirarli e fotografarli, sia per provare l’emozione di mangiare all’interno di uno di essi.

Ma la vera meraviglia è quella di trovarsi in un punto in cui si arriva in circa un’ora e mezza su una delle montagne più belle dell’Appennino centrale: la Majella.

Situata nel basso Abruzzo, al centro del Parco Nazionale della Majella tra le province di Chieti, Pescara e L’Aquila, può essere sicuramente considerata una delle mete ideali per le vostre vacanze in montagna poiché offre esperienze per visitatori di ogni età e gusto:

dagli amanti del trekking o dello sci, o anche semplicemente per coloro che vanno alla ricerca dei luoghi storici culturali unici come quelli presenti sul suo territorio, come i celebri eremi del Papa Celestino V.

Abruzzo

Viviamo in un luogo unico, che amiamo e che vogliamo valorizzare e far conoscere in tutto il suo splendore.